Blog

Indietro Elenco news

Operazioni a premio: il piacere di ricevere un regalo sicuro

Promosfera

18/06/2020

Obiettivi, criticità ed esperienze di successo di operazioni a premio in Italia e all’estero

https://www.promosfera.it/uploads/Operazioni a premio regalo sicuro.png



In un'operazione a premi viene assegnato un premio a tutti coloro che acquistano o vendono un prodotto o un servizio. Può anche essere necessario l'acquisto di più prodotti, anche in momenti differenti, per ottenere il premio; esempi comuni di operazioni a premio di questo tipo sono le tessere fedeltà e le short collection.

Perché organizzare un’operazione a premio
Le operazioni a premio sono strumenti di marketing molto efficaci per dare visibilità al brand e incrementare le vendite dei propri prodotti o servizi. Inoltre, con un’operazione a premio le aziende possono:

  • fidelizzare il consumatore con iniziative come short collection e fidelity card, per creare un legame duraturo e un’abitudine all’acquisto;
  • rafforzare il legame con il cliente con l’omaggio di prodotti aggiuntivi o accessori brandizzati, a fronte dell’acquisto, per rendere ancora più positivo il suo ricordo del brand;
  • motivare dipendenti, forza vendita, distributori con campagne di incentivazione che spingono a migliorare le performance per raggiungere i risultati stabiliti dal promotore e, quindi, ottenere dei premi.


Criticità di un’operazione e premio
Ciò che più spaventa i promotori che organizzano una operazione a premio è che l’iniziativa promozionale possa avere troppo successo, più di quello previsto in sede di pianificazione, generando una “over redemption” che implica sforare il budget della campagna anche in modo importante. Per prevenire questa situazione, quando se ne ravvedano ragionevolmente i presupposti, occorre coinvolgere i cosiddetti “assicuratori del rischio” ovvero agenzie specializzate nell’offrire operazioni a premio con la formula “vuoto per pieno”. Si tratta di un’opzione di cui tener conto ma, a nostro avviso, con le opportune cautele perché un ricorso continuativo a queste formule si può tradurre, nel lungo periodo, in uno svantaggio economico per l’azienda.


Operazioni a premio in Italia e all’estero: case history
Sia in Italia che all’estero le operazioni a premio sono fra le iniziative promozionali più amate dai consumatori.

Ecco le esperienze di successo di alcuni nostri clienti:

Angelini Beauty ha organizzato diverse operazioni a premio per incrementare le vendite dei propri prodotti di profumeria. Le iniziative avevano anche l’obiettivo di ringraziare i consumatori del loro acquisto rafforzando così il legame con il loro brand preferito. Angel Schlesser, Blumarine, Trussardi e Laura Biagiotti sono alcuni dei marchi protagonisti delle operazioni a premio dell'azienda.

L'operazione a premi di arena aveva l'obiettivo di aumentare la visibilità e le vendite della linea arena BodyLift in Italia, Francia e Germania. A fronte dell'acquisto di un costume della linea promozionata, tutti i consumatori ricevevano in omaggio, contestualmente, una pochette in tessuto 'Sensitive Fabrics' certificata “LYCRA® BEAUTY”.

Nel caso dell’iniziativa “GIFTS FROM THE DREAM FACTORY” di Alessi attiva in Austria Germania, Olanda e Belgio, il promotore ha previsto, solo per i clienti di quest’ultimo Paese, un’operazione a premio per ringraziarli del proprio acquisto.


Campagne di incentivazione: case history
Le campagne di incentivazione possono essere rivolte a diversi target; dipendenti, venditori, riveditori, concessionari, distributori sia in Italia che all’estero.

Lucart ha lanciato una campagna di incentivazione denominata “Tree Challenge" fortemente collegata al tema della sostenibilità sociale, fondamentale per l'azienda. La campagna di incentivazione alle vendite dei prodotti della linea EcoNatural era rivolta ai venditori impiegati presso i distributori Lucart in UK, Germania, Francia, Spagna e Ungheria.

 

Vuoi saperne di più su come organizzare un'operazione a premio? Leggi anche "Operazioni a premio in Italia e all'estero" oppure Contattaci!

Articoli correlati

Tags: Case History Italia Organizzare concorsi